Bonifica amianto friabile

Bonifica amianto friabile

Siamo specializzati nella bonifica di amianto e nello smaltimento lastre di eternit a Verona:

L’amianto in matrice friabile trova le sue applicazioni in diversi settori, edilizia, industria, usi domestici, la sua estrema duttilita’ lo ha reso un materiale largamente utilizzato per decenni, fino alla sua messa al bando in Italia nel 1992.
Si parla di amianto friabile quando l’amianto è debolmente legato alla sua matrice ospitante (gesso, sabbia, ecc) tanto da poter rompere il manufatto con la sola pressione manuale.
Questa sua caratteristica da un lato lo rende facilmente suscettibile di danneggiamento, dall’altro impone degli speciali accorgimenti in fase di bonifica.

Principalmente l’amianto friabile si trova come coibentazione di serbatoi, caldaie e tubazioni di impianti di riscaldamento civili e industriali; nelle guarnizioni di caldaie, porte tagliafuoco, ferodi ascensori; spruzzato come isolante termoacustico su pareti e soffitti di palestre, ospedali, scuole e asili.
L’impiego dell’amianto in matrice friabile si estende dalle coibentazioni dei tubi del riscaldamento, all’isolamento termo-acustico delle pareti, alla copertura di strutture metalliche a scopo ignifugo, alle guarnizioni di caldaie e bruciatori.

I lavori di bonifica da amianto friabile seguono una procedura particolare dettata dalla normative vigente.

1) Nei casi di bonifica di manufatti e soprattutto ambienti di medie e grandi dimensioni è infatti necessario isolare l’intero ambiente in cui avviene l’operazione con appositi sistemi di confinamento. Essenzialmente tali sistemi sono di due tipi, statici e dinamici. I primi utilizzano delle barriere rigide, quali ad esempio strutture metalliche rivestite di teli di polietilene, per creare un involucro che confina l’ambiente in cui si opera. I secondi creano invece delle depressioni all’interno dell’ambiente confinato attraverso apposite pompe pneumatiche, che fanno sì che l’aria pura entri attraverso le fessure dell’ambiente, dall’esterno verso l’interno, e l’aria contaminata passi invece attraverso i filtri delle pompe per poi essere pompata all’esterno, non contenendo più fibre di amianto. I due sistemi sono quasi sempre utilizzati assieme, per garantire la massima sicurezza.
Procedura :
allestimento di area confinata realizzata con due strati di polietilene di adeguato spessore posati a pavimento e alle pareti, sigillate ai bordi;
allestimento di impianto di estrazione d’aria per le zone confinate;
allestimento di unità di decontaminazione del personale addetto ai lavori composta da quattro ambienti (spogliatoio contaminato, locale doccia, chiusa d’aria e spogliatoio incontaminato);
allestimento di impianto di filtrazione acque;
allestimento di impianto acqua calda per docce;
gruppo elettrogeno per garantire la continuità del funzionamento del gruppo estrattori;
prove di collaudo degli ambienti confinati;
monitoraggio MOCF eseguito quotidianamente.

2- Nel caso di isolamento dall’esterno per oggetti relativamente piccoli, quali ad esempio tubature, la tecnica di isolamento sovente utilizzata è quella della glove-bag. Questa tecnica consiste nell’inglobare il manufatto da trattare in una apposita sacca di plastica trasparente, chiamata appunto glove-bag, che presenta due aperture in cui l’operatore inserendo le braccia, è libero di intervenire sul manufatto senza che vi sia dispersione di fibre nell’ambiente, essendo queste confinate dalla glove-bag. Dopo l’incapsulamento la coibentazione dei tubi contenente amianto verrà rimossa totalmente, confezionata in sacchi rispondenti ai requisiti della vigente normativa e avviata allo smaltimento nei centri di stoccaggio autorizzati.

A bonifica avvenuta l’Asl eseguirà un controllo del lavoro eseguito. Successivamente i tecnici dell’Arpa eseguiranno monitoraggi in SEM (microscopia elettronica a scansione) per la restituibilità della zona bonificata.

L’amianto rimosso viene preparato per il trasporto in discarica attraverso un rivestimento con sostanze speciali (incapsulamento), che spesso è effettuato ancora prima della vera rimozione, per impedire il più possibile il rilascio di fibre di amianto nell’aria, e poi inserito in appositi sacchi di plastica particolarmente resistente per essere trasportato in discarica.

Contattaci per avere un preventivo personalizzato sui servizi di bonifica di amianto e di smaltimento lastre di eternit a Verona